La cucina genuina della Prlekija: chi non la adorerebbe?
Una delizia per l'occhio, una ricca varietà di aromi e sapori originali e integri, perciò tanto più eccitanti.
In realtà è molto semplice perché si basa su ingredienti prodotti in casa, vicino casa, nel campo e nella stalla di casa. Si prepara in modi che noi del posto ben conosciamo - noi abitanti della Prlekija già da decenni, possiamo dire da secoli.

Squisitezze lievitate o meno di farina di frumento, segale e grano saraceno, cui si aggiungono ricotta, ciccioli, erbe, frutta fresca o secca. Il dolce "gibanica", focacce, pizze, putizze, dolci a pasta lievitata, gnocchi, crostate, torte salate, vari tipi di pane... queste sono solo alcune delle tante prelibatezze.

In gastronomia e nei campi la zucca svolge un ruolo importante. Per il suo aroma unico, il suo gusto speciale e l'aspetto attraente, nella cucina della Prlekija l'olio di zucca è indispensabile.

Conoscete la carne conservata nello strutto (“meso iz tünke” e “zobl")? Le teste fini dei contadini scoprirono secoli fa un modo speciale di maturare e conservare la carne in secchi di legno - le tünke. Il grasso dove si immergono i migliori pezzi di carne – “zobl” - impedisce l'accesso all'aria e ha un effetto davvero nobilitante sull'aroma della carne.

Salsicce Čurke, Prezwuršt? Sireki? I cetriolini sottaceto, vere delizie estive? Se non ne assaggiate almeno una parte di questo viaggiando per Jeruzalem è come se non foste mai venuti. Magari rimarrete entusiasti e imparerete anche a preparare da soli alcune di queste delizie.

La gastronomia e le usanze ad essa associate sono ancora un patrimonio vivente dei nostri luoghi, e la potrete anche gustare in occasione dei numerosi eventi.

ZOBL” E CARNE  CONSERVATA NELLO STRUTTO “MESO  IZ  TÜNKE”

Squisitezze lievitate o meno di farina di frumento, segale e grano saraceno, cui si aggiungono ricotta, ciccioli, erbe, frutta fresca o secca. Il dolce "gibanica", focacce, pizze, putizze, dolci a pasta lievitata, gnocchi, crostate, torte salate, vari tipi di pane... queste sono solo alcune delle tante prelibatezze.

In gastronomia e nei campi la zucca svolge un ruolo importante. Per il suo aroma unico, il suo gusto speciale e l'aspetto attraente, nella cucina della Prlekija l'olio di zucca è indispensabile.

Conoscete la carne conservata nello strutto (“meso iz tünke” e “zobl")? Le teste fini dei contadini scoprirono secoli fa un modo speciale di maturare e conservare la carne in secchi di legno - le tünke. Il grasso dove si immergono i migliori pezzi di carne – “zobl” - impedisce l'accesso all'aria e ha un effetto davvero nobilitante sull'aroma della carne.

Salsicce Čurke, Prezwuršt? Sireki? I cetriolini sottaceto, vere delizie estive? Se non ne assaggiate almeno una parte di questo viaggiando per Jeruzalem è come se non foste mai venuti. Magari rimarrete entusiasti e imparerete anche a preparare da soli alcune di queste delizie.

La gastronomia e le usanze ad essa associate sono ancora un patrimonio vivente dei nostri luoghi, e la potrete anche gustare in occasione dei numerosi eventi.

 

L'OLIO DI ZUCCA  

 

La zucca è una pianta coltivata fin dai tempi antichi e l'uomo nei secoli ne ha coltivate molte specie che si differenziano per forma, colore, dimensione e, non ultimo, per il gusto.

 

In Europa la zucca è arrivata con Colombo e i suoi successori. Ha guadagnato il suo spazio nel mondo agricolo nei secoli XVII e XVIII. Non c'è alcuna spiegazione valida sulla nascita di zucche i cui semi sono privi di buccia. Queste cosiddette buče golice ("zucche vuote") sarebbero nate in seguito a una mutazione che si sarebbe verificata verso la fine del XIX secolo, con ogni probabilità anche nel territorio dell'odierna Slovenia.

La “golica” vera e propria è una zucca dalla quale, come cento e più anni fa, otteniamo il prezioso olio di zucca. Occorrono ben 2,8 kg di semi secchi per estrarre un litro di prezioso olio denso.

I semi contengono molte proteine vegetali e acidi grassi insaturi, oltre a molti minerali come magnesio, calcio, silicio, selenio e zinco, nonché vitamine A, B1, B2, C, D ed E. In essi si trova anche un aminoacido raro, la cucurbitina che in maniera particolarmente efficace inibisce la crescita della ghiandola prostatica.

I medici raccomandano il consumo di olio di zucca in caso di disfunzioni vescicali e per ridurre il livello di colesterolo. Le vitamine hanno un effetto benefico sul sistema nervoso e aumentano la forza muscolare.

Dell'olio di zucca abbiamo giustamente detto, sempre con lieve imbarazzo, che è olio ma in realtà è molto di più. Preferiremmo classificarlo tra le spezie, le prelibatezze alimentari, dato che per ricchezza di aroma e gusto ha molto di più in comune con queste.

La prima caratteristica che salta all'occhio è il suo colore intenso e sconcertante. A prima vista sembra di un colore verde ma guardando meglio si vedono intense sfumature rosse - rosse come il sangue. Questo è il puro olio di zucca di origine slovena in quanto sembra che questa sfumatura rossa sia presente soltanto da noi grazie al clima particolare. L'olio di zucca puro è viscoso, denso e quindi scende "silenziosamente". Ha un profumo intensamente aromatico, una nota di sapore di noci (dei gusci verdi e del fogliame) e un gusto di nocciole tostate.

 

L'olio di zucca non è solo una spezia per l'insalata (di patate con cipolla, di cavoli, di fagioli con cipolla, di pomodori, verde o altro) ma è anche ottimo per il fritto (mescolato con olio bianco, di girasole o di colza). Provate a friggere una trota, con contorno di polenta di grano saraceno, e bagnate tutto con un Riesling renano secco o semi-secco! È eccellente con vari tipi di salse o di insalate con formaggi freschi.

 

E i dolci preparati con semi di zucca tritati privi di glutine? E il gelato con olio di zucca?